Sfide Adolescenziali Pericolose | Dott.ssa Valentina Di Bella
sfide-adolescenziali

Skullbreaker Challenge e sfide adolescenziali pericolose

Le sfide adolescenziali sono motivo di ricorrente preoccupazione delle famiglie. Esse nascono sul web, sfuggono all’attenzione dei più grandi, si diffondono in modo rapido. Queste sfide adolescenziali trovano terreno fertile in un pubblico di giovanissimi, a partire dalle scuole medie. Le challenges (sfide sociali, per l’appunto) sono giochi pericolosi, azioni che sollecitano agonismo e protagonismo. Vengono immortalate attraverso lo smartphone e diffuse sulle piattaforme più in voga.

La più attuale è la Skullbreaker Challenge, presente in special modo su Tik Tok.
Letteralmente significa ” sfida spacca cranio”.

Sfide adolescenziali: come funziona la Skullbreaker Challenge

Tra le sfide adolescenziali, la Skullbreaker Challenge risulta esser la più recente. Essa consiste in una sorta di sgambetto che viene fatto ad un ragazzo, da parte di altri due posti ai lati. Lo scherzo pericolosissimo viene ripreso con la fotocamera dello smartphone.

L’impatto della schiena sul pavimento può esser molto forte e il rischio peggiore è dato dalla possibilità in cui il malcapitato colpisca la testa.

Da qui, l’inquietante nome “skullbreaker challenge”.

Come intervenire sulla skullbreaker challenge

La Skullbreaker challenge presenta una differenza con altre sfide adolescenziali diffusesi negli anni. Essa, infatti, avviene a danno di un terzo, ignaro di quanto stia per accadere.

Diversamente da altre sfide adolescenziali, quindi, richiede una sensibilizzazione dei ragazzi in più direzioni.

sfide-adolescenziali

Da una parte occorre informare i giovani  affinché rifiutino la partecipazione al gioco, ma al contempo serve responsabilizzare chi promuove lo skullbreaker challenge verso gli amici.
Chi conosce gli adolescenti davvero, difatti, sa che le azioni sprovvedute che compiono non derivano dalla presunta “cattiveria” che il luogo comune gli attribuisce.
Semmai, i teenagers tendono a sottostimare le conseguenze delle proprie azioni. Aiutiamoli a far meglio e ad anticiparsi scenari. che, talvolta, possono diventare irreversibili.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *