Il segreto per educare con equilibrio nella società contemporanea

Educare con equilibrio è uno dei piccoli grandi dilemmi del secolo. In un’epoca veloce come la nostra, in cui le famiglie sono alle prese con l’insegnamento della disciplina, del rigore, ma anche dell’uso costruttivo delle nuove tecnologie, educare con equilibrio sembra diventata un’impresa più complessa che in passato. Tutto è così veloce e performante! Eppure, educare o almeno educare con equilibrio, ci costringe a rallentare.

Come fanno quindi i genitori moderni a costruire un sistema di regole familiari che sia efficace?

Il segreto per educare con equilibrio

Il segreto per educare con equilibrio è darsi delle priorità educative. Scegli gli apprendimenti su cui vuoi concentrarti e orienta le tue azioni e i tuoi interventi in linea: quali sono i valori fondanti della vostra famiglia? L’ordine? Condividere almeno un pasto insieme? La puntualità? Definisci i capisaldi irrinunciabili per voi e parti da quelli. Lascia che tuo figlio possa sperimentarli e sentire il vantaggio di una casa ordinata o di genitori che cenano sempre insieme dopo una giornata di corse.  Piuttosto che affannarti su cento interventi e valori, disperdendo spesso le azioni, rallenta. Avere fretta di offrire molte regole a tuo figlio, infatti, non ti permette di educare con equilibrio e crea due svantaggi:

  1. Ti affatica inutilmente, perché l’età evolutiva implica un sistema mentale in via di sviluppo, che in quanto tale deve avere del tempo per interiorizzare. Gli esseri umani sono predisposti ad apprendere una certa lezione solo dopo esservisi esposti più e più volte. Serve concentrazione, ripetizione. Consolidamento di un’esperienza. Prova a pensare a quando hai imparato a guidare o a quanto tempo occorre per imparare a suonare uno strumento musicale.
  2. Un numero molto alto di regole confonde tuo figlio piccolo. Se attribuisci la stessa importanza a tutto, magari il tuo bambino non commetterà più certe azioni scorrette, ma.. potrebbe compierne di più gravi! Potrebbe smettere di gettare le carte per terra in strada, ma… spingere giù dalla carrozzina la sorellina, direttamente!

Per questo, il mio suggerimento è quello di rilassarti e anzitutto scegliere su cosa orientare il tuo insegnamento. In seguito, potrai integrarlo di contenuti e valori, anche in base all’età e alla personalità di tuo figlio.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post

VALENTINA DI BELLA